il risveglio dal sogno forse uccide, mai tradisce *

ho fatto un cerchio
attorno a me stesso
e dopo cinque anni
ho capito che è diventato
troppo stretto
mi sembrava un buon posto
lo ammetto
mi sentivo protetto
ora sono stanco di tutto
di questo paese senza progresso
delle mie parole in cerca di un senso
della mia vita
in perenne attesa
di un cenno
un segnale
una resa
o una via d’uscita

ho disegnato un cerchio attorno
e mi ci sono rinchiuso dentro
con le mani sporche
e il sudore in fronte
mi sono sentito vivo
ora non più
mi manca l’aria
in questa bolla
il tempo corre avanti
e il passato mi tormenta

so che lei sa
strategie per ferire
che sono sottili
come lame

* Strategie – Afterhours

Annunci

come m’incanti tu, non m’incanta nessuna *

non ho trovato
un motivo particolare
per scriverti
è solo che volevo farlo
come altre mille volte
in cui mi sono sentito perso
in cui avevo bisogno
di conforto
di un consiglio
di un abbraccio
di un sorriso
di un gesto familiare
di qualcuno di cui potermi fidare
di qualcuno che scorre nelle vene

* Come mi guardi tu – Tre allegri ragazzi morti

dolente, tremante, ardente: il cuore domanda cos’è che manca *

il falso pepe
si lascia cullare
dalla brezza della sera
quasi da fare atmosfera
ho camminato in avanti
voltato di schiena
fingendo di non aver paura
avrei voluto e potuto
fare a meno di
questa malinconia
ma dovevo trovare
un’apertura intrigante
per un finale deludente
è la terza volta
che mi dici di esserti
innamorata
di un’altra persona
credo che questa sia
la volta buona

* Nuotando nell’aria – Marlene Kuntz

l’ultima promessa da mantenere

ho visto una ragazza
che ti somigliava così tanto
che sono rimasto a fissarla
per un tempo indefinito
poi quando me ne sono accorto
ho abbassato lo sguardo
e ho sorriso
l’amore in valore assoluto
che non potrà essere scalfito
una parte di quel libro
ti appartiene
come del resto una parte
del mio cuore
e questo una canzone indie
non lo potrà completamente
spiegare
mi è rimasta solo
un’ultima cosa da fare
e poi non avrò più
promesse da mantenere

vorrei davvero essere semplice *

mi piace l’odore dopo la pioggia
sa di qualcosa di antico
qualcosa che è sempre esistito
ti fa ritornare bambino
è una calamita di ricordi
probabilmente non fai caso
a tante cose
ma appena lo senti
ti fermi e sorridi
mi sono tirato indietro
per vedere se avanzavi
ma va bene anche così
non ne farò un dramma
solo che togliendo quella rabbia
mi rimane il senso di vuoto
e in questi giorni
l’ho percepito
non voglio fermarmi
e nemmeno fare le solite
inutili discussioni
su chi siamo
dove andiamo
e perché semplicemente
non scopiamo
o ci lasciamo andare
senza bisogno di fare
svastiche in centro a Bologna
come pretesto per litigare
tanto ci faremo male comunque
allora perché non goderne?
ho già scritto quelle pagine
e tu lo sai bene
e sarei pure disposto a rifarlo
ma solo se cambi il finale.
fine della trasmissione

* Essere semplice – Diodato